TRASPORTI A VENEZIA

    Ritorno
    Trasporti a Venezia

    Autore: Michele Del Pup

    Come nel passato anche oggi in città tutto viaggia sull’ acqua, l’ unica concessione alla modernità è l’ uso del motore. Imbarcazioni di vario tipo solcano i canali, in sostituzione del più faticoso remare, ma un gran numero di appassionati vogano nel tempo libero.

    Tutto va sull’ acqua; non si può pensare alla città senza questo elemento che la circonda, servito a difenderla nel passato e che oggi la rende unica non senza parecchi problemi.

    Vaporetti carichi di passeggeri corrono lungo il Canal Grande, imbarcazioni di vario tipo ogni mattina partono dalle darsene di terraferma cariche di merci di ogni genere per rifornire la città.

    Un ampia varietà di barche multicolori d’ ogni tipo e dimensione che, scivolandoci vicino, mostrando il loro carico altrove nascosto dentro un camion.Su ogni barca troneggia, di solito sulla prua, a volte sopra il carico, l’ immancabile carretto. Strumento indispensabile per proseguire il trasporto fino alla destinazione finale una volta ormeggiata la barca il più vicino possibile alla destinazione.

    Buffo è il metodo di condurre i “topi”, imbarcazioni a motore di varie dimensioni adibite al trasporto merci, dotate di un motore interno e di una lunga barra che governa il timone. Si possono vedere i conducenti con la schiena appoggiata a questa barra o, a volte, addirittura a cavalcioni della stessa che dirigono la barca muovendosi con il corpo mentre con le mani libere sfogliano un giornale, telefonano o le tengono in tasca per difendersi dal freddo.

    Imbarcazioni della polizia, ambulanze o barche dei vigili del fuoco che corrono a sirene spiegate, motoscafi taxi, le grandi barche che trasportano quotidianamente tonnellate di immondizie, quelle di vari servizi costituiscono il traffico dei canali veneziani che non é da meno di quello automobilistico di una qualsiasi città.

    Per i veneziani la barca è un elemento imprescindibile della vita di ogni giorno. In passato era una consuetudine abbastanza diffusa per gli sposi lasciare la chiesa, dopo la cerimonia del matrimonio, in gondola.

    Chi non è di Venezia ha spesso l’ idea che i veneziani si possiedano e muovano tutti in barca, come altrove si possiede un’ automobile, ma non è così.Molti veneziani possiedono una barca usata solamente nel tempo libero, per andare a pescare o per raggiungere qualche luogo fuori mano della laguna dove prendere il sole e fare un bagno durante la buona stagione.

    Perfino l’ “ultimo viaggio” si fa in barca verso l’ isola di S. Michele.

    Localizzazione: Venezia · Vedi su google maps

    Come arrivare a Venezia