La magia del Natale a Verona

    Ritorno
    La Stella, i mercatini, le mostre: il Natale a Verona è magico

    Autore: Alessio Corazza - Twitter

    Se anche perdessi improvvisamente il senso del tempo, saprei riconoscere l'imminente arrivo della stagione natalizia da un particolare inconfondibile. Quando passeggiando per piazza Bra, vedo la grande stella cometa ancorata al suolo, con la coda che descrive un grande arco fino a scomparire dentro l'Arena, mi viene un solo pensiero in mente: il Natale è alle porte.

    La Stella della Bra è il simbolo indiscusso del Natale a Verona, assieme alla tradizionale mostra dei presepi all’interno dell’Arena, quest’anno giunta alla 32esima edizione. Mi ci portavano sempre da piccolo i miei genitori: combattendo il freddo dell’Arena di inverno, mi appostavo alle vetrine incantato dai ruscelli e dalle cascate che sgorgavano in scene di campagna bucolica, popolate di pastori, artigiani, fabbri. Oggi, che ci vado da padre, rivedo quello stesso stupore negli occhi dei bambini.

    Per quanto riguarda lo shopping, negli ultimi anni la principale attrazione natalizia a Verona è un prodotto d'importazione: si tratta dei banchi del mercato della città tedesca di Norimberga, per l'occasione ospitati in piazza dei Signori, una delle più belle tra le tante a Verona. Addobbi natalizi, dolciumi, salsicce arrosto, il tutto in un clima di festa (e di confusione...). Un successo di pubblico pazzesco: un sacco di gente viene a Verona a Natale solo per questo.

    Eppure, io preferisco altri banchetti, cui sono legati tanti ricordi della mia infanzia. Sono quelli per la festa di Santa Lucia, il 13 dicembre, che sta ai bambini veronesi come Babbo Natale al resto del mondo. Molti si lamentano che la merce esposta non è più quella di una volta, ma sono cambiati anche i gusti dei bambini. In ogni caso, oggi che ho una certa età, non ci vado più comprare giocattoli ma per ragioni gastronomiche. Solo qui, a Verona, mi concedo infatti il bombolone fritto!

    Quest’anno a Natale, passeggiando per Verona, ci si può anche imbattere in due mostre che vale decisamente la pena visitare. La prima è dedicata al post impressionismo in Europa, con opere di Van Gogh, Seurat e Mondrian ben allestite e esposte nel Palazzo della Gran Guardia, che si affaccia direttamente su piazza Bra.

    La seconda è ospitata a Palazzo Forti, dove ha sede anche il museo dell’opera lirica Amo, ed è una monografica su Tamara de Lempicka, pittrice di origine russa ma che divenne celebre a partire dagli ‘20 a Parigi per le sue opere eleganti, moderne e trasgressive (tra cui numerosi nudi di alcune sue amanti).

    In ogni caso, la cosa che più mi piace del Natale nella mia città non sono né i mercatini né le mostre. E’ l’atmosfera del centro che si anima di gente a caccia di un regalo, di amici che affollano i caffè per farsi gli auguri, di famiglie che passeggiano godendosi le luci e le decorazioni. Sotto la stella di piazza Bra, tutto il mondo sembra migliore.

    Localizzazione: Verona ·

    Come arrivare a Verona